Informazioni sanitarie

L'esperto ha detto tutta la verità sui pericoli delle salviettine umidificate

Pin
Send
Share
Send
Send


Un prodotto per l'igiene popolare di cui nessun viaggio può fare a meno è in realtà solo un prodotto ben pubblicizzato, i medici ne sono sicuri. Gli scienziati hanno parlato per la prima volta dei pericoli delle salviettine umidificate alcuni anni fa. I ricercatori britannici dell'Università di Cardiff affermano che le salviette antibatteriche non uccidono i batteri, ma semplicemente li trasferiscono da un luogo all'altro. Particolarmente pericoloso è il loro uso a casa e in ospedale, dove aumentano il rischio di diffondere infezioni potenzialmente letali.

Gli scienziati hanno studiato le sette marche più popolari di salviettine umidificate per la prevenzione delle infezioni, tra cui tetano e stafilococco. Il più grande rischio di infezione è stato riscontrato nella toilette, specialmente dove è stato utilizzato lo stesso tovagliolo su entrambi i lati vicino alla toilette. Si è scoperto che tutte le marche di tovaglioli hanno catturato e trasferito batteri da una superficie all'altra. I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista. American Journal of Infection Control.

A loro volta, gli scienziati americani della Northwestern University hanno dimostrato che le salviettine umidificate aumentano il rischio di allergie nei bambini se non si lavano via i residui di sapone dalla pelle. Il rischio è particolarmente aumentato per i bambini con una predisposizione genetica alle reazioni allergiche e che soffrono di eczema cutaneo, ha dichiarato Joan Cook-Mills, professore di allergologia e immunologia.

“In primo luogo, le salviettine umidificate sono realizzate con fibre di polietilene che non si sono decomposte per decenni. In secondo luogo, contengono fragranze sintetiche, nonché cloro, lauril solfato e additivi alcolici. È facile intuire che un tale kit chimico contribuisca all'irritazione, alle reazioni allergiche e ad altri problemi ”, ha dichiarato Elena Kovtunova, dermatologa e cosmetologa, a una corrispondente del MIR 24.

Secondo il medico, uno dei problemi sta nel fatto che i professionisti del marketing stanno posizionando le salviettine umidificate come un prodotto che può essere utilizzato senza acqua, ma in realtà non è assolutamente così.

“Nel 2011, le salviettine umidificate hanno avuto un altro nome: salvietta istantanea per sapone. Tuttavia, i produttori continuano a promuovere attivamente il loro prodotto, concentrandosi sulla facilità d'uso da parte dei consumatori: puoi fare a meno dell'acqua, la pelle è perfettamente pulita. A proposito, nel Regno Unito, il fatturato delle salviettine umidificate ha raggiunto £ 500 milioni all'anno ”, ha aggiunto Kovtunova.

Il dermatologo ha confermato che le salviettine umidificate diffondono i microbi e che il loro uso dovrebbe essere ridotto al minimo.

"Sulla confezione è quasi sempre indicato che il prodotto impedisce la diffusione di batteri. Tuttavia, questo non è vero. Al contrario, le salviettine umidificate, al contrario, danno una seconda vita ai batteri. Uno dei componenti che è spesso presente nelle salviette provoca una serie di dermatiti, specialmente nelle persone allergiche e nei bambini. In combinazione con profumo e cloro, la composizione con cui sono saturate le salviette può avere un effetto molto negativo sulla pelle sensibile e dei bambini. L'ingrediente metilisotiazolinone contenuto nei tovaglioli provoca spesso un'eruzione cutanea e un'irritazione ”, ha affermato il medico.

“C'è un caso noto quando un postino britannico, consegnando la posta in bicicletta e trascorrendo gran parte della giornata nei campi, usava costantemente salviettine umidificate. Incluso per l'igiene intima. Alla fine, ha sviluppato una grave dermatite nella regione perianale, a causa della quale il povero impiegato delle poste non ha potuto camminare per un po 'di tempo. La mucosa umana semplicemente non sopportava le tossine accumulate e produceva una reazione ”, ha aggiunto.

Pin
Send
Share
Send
Send